Quella che vi racconto è una storia personale, il racconto della mia bisnonna Susanna. Più che una storia sono resti di narrazioni, senza spazio né tempo, di sua figlia Domenica. 

Donna austera e di potere in famiglia. Il suo pugno duro era della stessa durezza della guerra imperante negli anni '40 e che costringeva sua figlia, mia nonna Domenica, ad essere alle sue dipendenze per un pasto giornaliero ed una dimora sicura nella desolazione di un marito prigioniero in Russia. Nonno Giuseppe, mai tornato da quella gelida battaglia, mai riabbracciato da una moglie che nell'attesa lavorava duramente in campagna, ignara di essere forse già una vedova ancora tenera. Susanna veniva ricordata come donna dall'alta statura e dalle mani grandi. Ricordi di mio padre deformati forse dalla percezione di un bambino ancora piccolo rispetto a tutto, troppo piccolo rispetto alla guerra. 

Di Susanna rimane un ritratto, per decenni gelosamente custodito nella scatola delle foto di famiglia. Un cartoncino che profuma di storia triste e che ad ogni sguardo racconta radici lontane. Sul retro della fotografia la firma, uno stemma e i riconoscimenti per lo Stabilimento Fotografico T. Guerra di Bari. Forse uno dei pochi per l'epoca, nei primi anni del '900, se consideriamo che nonna Domenica è nata nel 1908. Se in questa foto Susanna fosse già mamma o no, non sono in grado di dirlo. E in questa immagine l'abito lungo, i gioielli, i ricami sulla camicia, una espressione di dignità e quei guanti chiari retti con disinvoltura come voglia di riscatto in una posa nobile.

Cornice Zara Home - Una storia in cornice

Ora Susanna, nonna Susanna, è un angolo di casa nostra. Delicata la scelta di una cornice che potesse esaltare un momento di storia di una donna, di una famiglia, di una stirpe, la storia della fotografia e di tanta maestria su un cartoncino dal valore inestimabile. Mi sono innamorata un giorno della cornice di Zara Home, di questo involucro di vetro che mostra l'immagine in fronte e retro e che nel contempo le dona un tocco di antico, di eleganza, di essenzialità in una linea semplice. Come la storia di Susanna. 

Una Storia in Cornice, la mia storia, in parte anche la storia del mio vero nome Domenica. Scrivere, leggere e rileggere questo post mi emoziona.

Ciascuno di noi ha un angolo di storia e di emozione in cornice che a volte ci ritroviamo a sfiorare con i polpastrelli… quale il vostro?

Cornice Zara Home - Una storia in cornice