rosa_procellana_1920_random.jpg

A Pasqua la scarcella pugliese diventa parlante

Quando si avvicina la Settimana Santa, la settimana di Pasqua, la tradizione si ripete: quella di fare una conta delle scarcelle da preparare. Tra bimbi, amici e persone care ad ognuno la sua forma, il suo uovo, per ognuno una creazione originale. E proprio per questa personalizzazione la scarcella dalle nostre parti comincia a risultare più gradita dell'uovo di Pasqua.

La scarcella o scarcedde, in vernacolo, è un dolce tradizionale pugliese. Un grande biscotto, oggi più gustoso rispetto al passato per l'aggiunta di aromi ed ingredienti più sofisticati, come il burro, la vanillina, la scorza di limone o altri profumi. Nella sua originaria semplicità fatta di uova, zucchero olio e farina, ha la particolarità di riprodurre forme svariate come trecce, ghirlande, cestini, uova, campane e colombini, racchiudendo al centro un uovo avvolto da due strisce sempre di biscotto. A volte anche più di un uovo, ma sempre in numero dispari. Quando mia madre era una bimba, ricevere una scarcella a più uova era davvero un privilegio. Secondo alcune interpretazioni l' uovo della scarcella sarebbe incarcerato proprio da una croce e l'atto di liberarlo, di scarcerarlo appunto, sarebbe simbolo di rinascita, di liberazione, di un nuovo inizio. Da "scarcerare" deriverebbe il nome "scarcedda".

Noi che prepariamo a casa di mia mamma ogni anno tante scarcelle, abbiamo scoperto questo significato appena lo scorso anno e da qui l'idea, per questa Pasqua, di realizzare una scarcella parlante. Esatto, una scarcella accompagnata da un messaggio che racconti, a chi la riceve, qual è il suo significato. Ed il racconto delle nostre scarcelle parlanti recita così


La Tua Scarcella

In tanti mi chiamano

Scarcedda,

come da antica tradizione pugliese,

e sono un biscotto grande fatto solo

di uova, zucchero, olio e farina

e qualche confettino colorato o

della glassa al limone in superficie

per farmi più gustosa e carina.

Per la gioia dei bimbi posso imitare un coniglietto,

un colombino, una campana o un cestino.

Ho un uovo sul mio cuore,

tenuto stretto da una croce di biscotto.

Ma se lo liberi sarà la tua Pasqua,

perché dall'ovetto che ti dono potranno

nascere cose nuove:

vite, speranze, progetti e serenità.

E ora mangiami, perché sono

la Tua Scarcella!

Scarcelle pugliesi "parlanti"
La scarcella "cavallino"
La scarcella "farfalla"

Riportato su un cartoncino ritagliato a forma di uovo, lo abbiamo legato alla confezione della scarcella semplicemente con dello spago. Anche questa una creazione dhomenica.it e la nostra firma non può mancare!

Un fiocco di spago per decorare le scarcelle

Abbiamo regalato le nostre scarcelle per il gusto della tradizione e perché ne amiamo il significato. Un motivo per mangiarle? Sono golosissime!

E voi le preparate le scarcelle? Attendiamo le vostre foto!

Le scarcelle firmate dhomenica.it
Le scarcelle parlanti hanno una storia da raccontare
Segnaposto per il pranzo di Pasqua: una tavola spe...
L'impronta di un piedino in cornice

Forse potrebbero interessarti anche questi articoli

Cerca

Etsy

Seguici su Facebook

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
In base al GDPR la tua iscrizione sarà attivata solo se confermerai la mail che ti sarà inviata

Seguici su

facebook dh    instagram dh   pinterest dh    google plus dh

Privacy Policy

Iscriviti alla nostra Newsletter

Privacy e Termini di Utilizzo
In base al GDPR la tua iscrizione sarà attivata solo se confermerai la mail che ti sarà inviata